Ho deciso di condividere un estratto di questo articolo di Alexis J. Cunningfolk in cui si parla della scala mobile e di come funziona.

Trovo che sia un materiale super interessante e quindi l’ho tradotto io perché non mi andava di lasciare chi non conosce l’inglese nelle mani di Google Translator. L’articolo originale si intitola “La scala mobile, uno strumento per la giustizia sociale” ed è un pochino più lungo, ho estratto la parte più saliente, ad ogni modo si può trovare qui l’originale.

La scala mobile è uno strumento che permette di ottenere un prodotto o un servizio a diversi livelli di prezzo basandosi sulle circostanze del compratore. Di solito la scala sarebbe posta in un grafico  e chi acquista consegna qualche forma di attestato a una figura di autorità che determina dove, sulla scala, si colloca il compratore.

 Questo metodo permette alle persone che altrimenti non potrebbero permetterselo, di avere l’opportunità di compraselo. Inoltre porta attenzione alle disuguaglianze sistemiche di classe nella nostra cultura.

 La scala mobile rappresenta l’idea che le risorse economiche, incluso il reddito, non sono e non dovrebbero essere l’unico fattore determinante per cui qualcuno possa o meno accedere al servizi, le cure, ecc. Chi eroga servizi e le istituzioni di solito offrono la scala mobile perché c’è un impegno a servire individui e/o comunità che altrimenti non potrebbero permettersi i servizi. Spesso queste organizzazioni cercano attivamente risorse esterne per consolidare la propria stabilità finanziaria e riempire i buchi che la scala mobile non copre.

Affinché la scala mobile possa funzionare bisogna fare affidamento ai principi di onestà, rispetto della complessità e responsabilità. 

Io non richiedo dimostrazioni di reddito, ho fiducia che i miei clienti e studenti siano onesti. La comunità cresce e si fortifica quando la responsabilità è un valore centrale, perché è lì che cresce la fiducia e che si può lavorare in profondità. L* insegnant* meritano di essere pagati e l* student* si meritano lezioni che riconoscano le diverse realtà degli accessi economici e il privilegio che esiste.

Recentemente qualcuno mi ha fatto presente il concetto di “sacrificio versus difficoltà” nell’esaminare le risorse economiche. Se comprare una lezione, un prodotto o un servizio risultasse difficile, ma non deleterio, allora è un sacrificio. Forse dovrai tagliare in altre uscite nella tua vita (come cenare fuori, andare a bere un caffè o un nuovo vestito), ma questo acquisto non avrà un impatto dannoso a lungo termine nella tua vita. È un sacrificio sacro per poter ottenere qualcosa che ti senti chiamat* a fare.

 D’altro canto, se acquistare una lezione, un prodotto o un servizio arrecasse un impatto dannoso alla tua vita, come per esempio non essere in grado di mettere in tavola da mangiare, pagare l’affitto, o non riuscire a pagare il trasporto per andare a lavorare, allora stai affrontando la difficoltà.

 Le persone che provengono da un contesto di difficoltà solitamente si trovano zona più bassa della scala mobile. Trovo che che l’idea del sacrificio versus la difficoltà sia una sfumatura molto utile quando si parla di classe e accesso perché riconosce e rispetta il fatto che pagare per qualcosa potrebbe essere un problema, anche se a corto termine, e allo stesso tempo da il giusto spazio a chi deve affrontare difficoltà economiche.

 Queste sono delle linee guida generali che spiegano come metto i miei prezzi sulla scala mobile e per aiutarti a capire dove ti trovi su questa scala.

 

  • L’importo più alto rivela il vero costo della lezione o del servizio. É il costo che l* professionist* farebbe pagare in assenza della scala mobile. Nel caso in cui tu goda di stabilità finanziaria, possieda proprietà o abbia dei risparmi, non avresti i requisiti per avvalerti della scala mobile. Se sei in grado di pagare per ciò che vuoi e non è molto il tempo che spendi preoccupandoti per come provvedere per le tue necessità, vuol dire che hai un privilegio economico e potere all’interno della tua comunità. Questo prezzo è quello che ti spetta.
  • Il costo medio – se c’è – riflette il riconoscimento da parte del* professionist* che dover pagare il prezzo pieno impedirebbe ad alcune persone di poter partecipare, ma queste non si ritrovano nelle descrizioni del costo più basso o più alto. Se fai fatica a ripagare un debito o a mettere qualcosa da parte, o non ti trovi più ad aver speso tutto prima che arrivi il prossimo salario, ma hai accesso ad entrate più stabili e non stai più così tanto tempo a pensare a come poter provvedere ai bisogni più basici come cibo, casa, cure mediche, servizi per l’infanzia, ecc, allora questo è il tuo posto. Ad ogni modo, se sei in grado di chiedere ad altri, i tuoi familiari, partner o amici, un supporto economico, per favore prendi in considerazione di usare quelle risorse prima di usare quelle della scala mobile e finire col limitare le opportunità ad altri.
  • il costo più basso rappresenta l’onesto riconoscimento da parte dell’insegnante e del* professionist* che ci sono persone le cui circostanze economiche impedirebbero loro di far parte della lezione a meno che non si fosse un’opportunità  creata apposta perché loro possano accedere ai servizi ad un costo che rifletta le loro realtà economiche. Se fai fatica a mantenere l’accesso a bisogni come cure mediche, casa, cibo, servizi per l’infanzia, e il tuo salario si consuma prima dell’arrivo del seguente, o se hai dei debiti importanti, probabilmente questo è il tuo posto e meriti una comunità che consideri il tuo prezzo come offerta economica al pari delle persone che possono pagare il livello più alto. E anche quando questo prezzo risulti essere proibitivo, lavorerò con le persone per offrire loro piani di pagamento e altre soluzioni.

 

Di solito ci sono un numero limitato di prodotti, servizi e lezioni offerte a metà e in fondo alla scala. Per favore sii consapevole che se compri ad un prezzo che sta in mezzo o in fondo alla scala, quando in realtà potresti permetterti i prezzi piú alti, stai limitando l’accesso a coloro che hanno davvero bisogno del dono della flessibilità finanziaria. Sii onest* con te stess* e la con la tua situazione economica quando approcci pratiche di scala mobile, giacché queste fanno crescere comunità forti e sostenibili. La scala mobile rispetta anche il lavoro di insegnanti e creator* che, come me, hanno famiglie da mantenere e affitti da pagare. Inoltre, quando io sono pagata giustamente, sono in grado di investire più tempo e risorse per le offerte gratis e a costi ridotti.

 

Nello spirito di rendere accessibile e sostenere coloro che apprezzano gli strumenti di apprendimento visuale ho creato un grafico che illustra come funziona la scala mobile di Worts + Cunning Apothecary. Sopra trovate un grafico illustrato con tre bottiglie. Ogni bottiglia contiene le frasi che descrivono la situazione finanziaria e la classe di appartenenza della persona in questo momento.  La bottiglia a sinistra è piena di una meravigliosa pozione verde  che rappresenta l’estremo più alto della gamma della scala mobile. Le persone che si identificano di più con le frasi nella bottiglia di sinistra hanno i requisiti per pagare i biglietti delle lezioni all’estremo più alto della scala mobile. La bottiglia in mezzo rappresenta le persone che alle volte possono pagare il prezzo più alto, altre volte quello a metà e alle altre ancora quello più basso (a seconda di quante opzioni ci sono a disposizione). La bottiglia a destra rappresenta l’estremo più basso della scala e le persone che hanno i requisiti per comprare i biglietti che sono nella classe più bassa della gamma di prezzi.

 

In fin dei conti, la scala mobile cresce florida grazie alla fiducia. La fiducia è una cosa meravigliosa. Io ho fiducia nella tua onestà nel valutare la tua realtà economica. Siccome la scala mobile è uno strumento di responsabilità, è una conversazione continua e io mi impegno ad aiutare le persone a capire come parlare delle loro esperienze economiche, perché è stato un linguaggio veramente utile da imparare nel mio cammino.”

 

Photo by Alice Mosanghini 

 

 

Pin It on Pinterest